La Manipolazione Emotiva...


La manipolazione emotiva mira a influenzare il comportamento di un'altra persona con determinate tattiche che potrebbero non essere chiare per i manipolati o addirittura per gli altri. L'obiettivo potrebbe non essere solo quello di cambiare il comportamento del manipolato, ma anche di convincere l'individuo manipolato che non c'è altro modo per uscire dalla manipolazione o che la relazione manipolativa con il manipolatore è inevitabile.


È una forma di abuso, anche se potrebbe non essere evidente come altre forme. La manipolazione emotiva è un abuso emotivo che può o meno essere associato ad altre forme di abuso, come l'abuso fisico e sessuale. C'è una differenza tra persuasione e manipolazione emotiva. La persuasione non è coercitiva e rispetta il diritto della persona di scegliere e di accettare o rifiutare il comportamento suggerito. Nella manipolazione, può sembrare superficialmente che la persona sia autorizzata a scegliere. Tuttavia, sotto la pretesa superficiale della libertà di scelta, c'è una corrente debole di coercizione emotiva. Il processo di manipolazione emotiva coinvolge due parti: il manipolatore e il manipolato in un processo di manipolazione che ha le sue dinamiche.


Il manipolatore: i manipolatori si trovano su uno spettro di personaggi diversi. Tuttavia, sono tutti caratterizzati da anomalie nella personalità. È facile identificare lo psicopatico spietato, crudele, insensibile e spietato. Tuttavia, alcune altre personalità disordinate possono usare la manipolazione per sopravvivere alla propria patologia e mantenere la propria integrità psicologica. Una persona emotivamente dipendente può cercare i suoi bisogni emotivi manipolando gli altri. Lo stesso con la personalità narcisistica quando qualcuno cerca di soddisfare la sua brama di potere, prestigio, vanità e auto-esaltazione manipolando gli altri. L'istrionico che cerca attenzione, autoindulgenza, soddisfazione di bisogni emozionali e sessuali superficiali può fare uso di tutte le sue seducenti e drammatiche esagerazioni per manipolare gli altri. Le persone con personalità borderline con le loro emozioni caotiche e il senso di vuoto interiore, sbalzi d'umore drammatici, avventure spericolate e recitazione manipoleranno gli altri anche con la loro aggressività o autolesionismo. Il manipolatore cerca di controllare il manipolato per mantenere i suoi guadagni emotivi o personali. Alcuni manipolatori possono facilmente spostare la loro attenzione da una vittima all'altra, ma altri possono lottare fino alla fine per mantenere la vittima sotto gli artigli.


Il manipolato: non tutti possono essere facilmente manipolati. Questo è vero fino a un certo punto, anche se uno psicopatico intelligente può intimidire i meno vulnerabili dalla tattica del terrore. I più vulnerabili alla manipolazione sono quelle persone pacifiche e timide che non hanno fiducia in se stesse. Di solito sono coscienziosi, sottomessi, onesti o talvolta ingenui. Possono essere persone sole, traumatizzate e in cerca di rifugio nelle mani del forte manipolatore. Potrebbero davvero mancare di rispetto per se stessi, con un profondo senso di colpa che è alla ricerca di una punizione e la sensazione che devono meritare di essere puniti. Anche coloro che hanno la capacità di intellettualizzare i loro dilemmi di vita possono ingannarsi lavorando la loro mente intensamente sulle ragioni comprensibili nascoste per cui il manipolatore agisce in questo modo. Trovano delle scuse per l'autore, ma trascurano le scuse per liberarsi dalle mani del manipolatore. A loro piace intellettualizzare la propria sofferenza quando trovano che affrontare la loro vulnerabilità sia troppo doloroso per vivere.


Il processo di manipolazione: nel processo di manipolazione vengono utilizzate tattiche diverse. Alcuni sono palesi e altri troppo sottili da esplorare o troppo complessi da analizzare.


1. Colpire la colpa: Il senso di colpa è un forte motivatore negativo. I manipolatori sanno per esperienza che le loro vittime possono sentirsi in colpa abbastanza facilmente. Vedono che la vittima confessa persino dei suoi difetti e si scusa e si sente imbarazzata inutilmente. A poco a poco, fanno credere alla vittima di non essere abbastanza brava, non gliene importa abbastanza o sono egoisti, aspri, sfruttatori e persino parassiti. In effetti, in molti casi, il manipolatore ha la maggior parte di queste funzionalità. La vittima non può guardare razionalmente per vedere che ciò non è vero perché è stato programmato nel dubbio, nell'auto-colpa e nell'idealizzazione degli altri insieme al deprezzamento di sé.


2. Vergogna: un manipolatore usa tattiche per rendere la vittima indegna, vergognosa e inadeguata in modo che non ci sia via di fuga. Se la vittima cerca di sfidare un manipolatore, quest'ultimo si fa vergognare di intimidazione, paura, colpa e insicurezza, con l'accusa di mancanza di capacità di fare qualsiasi cosa, mancanza di resistenza, di potere o coraggio. Sarcasmo, battute, ridicolismo e commenti negativi o anche solo minacce possono essere usati. A volte il manipolatore provoca la vittima in un atto di aggressione per frustrazione e dolore. Questo di solito non riesce a liberare la vittima. Tuttavia, il manipolatore userebbe tale incidente per far sentire alla vittima ulteriore vergogna, fallimento e senso di colpa.


3. Guadagnare simpatia: il manipolatore può assumere il ruolo di vittima per ottenere simpatia e cooperazione se altre tattiche falliscono. Invocare compassione, pietà e simpatia da qualcuno che è coscienzioso non è difficile in quanto tali persone non possono sopportare di vedere qualcuno che sta soffrendo o soffrendo. Il manipolatore continua a lamentarsi di quanto siano sfortunati, di quanto siano ingiuste e di come siano vittime di una vita così crudele.


4. Intimidazione: le minacce possono essere palesi o segrete. Uno sguardo intimidatorio, ignorando l'altra persona, espressione di rabbia o disapprovazione sono alcuni degli atti intimidatori. A volte, è finta rabbia e un'esplosione di emozioni che viene utilizzata per intimidire la persona alla sottomissione. Le minacce possono variare da comportamenti scandalosi a rovinare lo stato sociale della vittima fino ad attacchi fisici e talvolta minacce da uccidere.


5. Seduzione: la manipolazione sessuale viene utilizzata per dare un falso senso di intimità e garantire il legame della relazione. La seduzione emotiva per adulazione, lode e atteggiamento affascinante può essere momentaneamente usata per far abbassare le difese alle vittime e ottenere la loro fiducia. Questo di solito è di breve durata e imprevedibile e attraverso un tale rinforzo positivo intermittente la vittima viene agganciata al gioco della manipolazione.


6. Mentire: mentire è al centro della manipolazione trattenendo una quantità significativa della verità, omettendo alcuni fatti importanti o fabbricando false storie. Il manipolatore può esagerare o minimizzare i fatti, imbrogliare e ingannare la vittima e costruire un quadro irreale di se stesso, della sua vittima e della loro relazione. Fingere è un'altra forma di menzogna pratica. Il manipolatore può negare di aver fatto qualcosa di sbagliato intenzionalmente o di non essere a conoscenza dell'effetto sulla vittima o di avere un'espressione sorpresa o indignata. A volte viene usato Stark sdraiato nella forma di negare "di cosa stai parlando?" O di fingere di essere smemorato o confuso. Fingere malattia o dolore, svenimenti o attacchi falsi può essere usato per ottenere simpatia e indebolire le difese della vittima.


7. Razionalizzazione: il manipolatore può utilizzare diverse manovre per spiegare le ragioni del suo comportamento che sfruttano la vulnerabilità della vittima. Se la vittima è ingenua o incapace di giudicare criticamente una discussione, il manipolatore può usare molti degli errori della logica per superare le contro-argomentazioni della sua vittima. Se la vittima è colpita da colpa, vergogna o coscienza dura, il manipolatore usa tutti gli argomenti che fanno appello a tali vulnerabilità.


8. Negazione: il manipolatore può negare senza mezzi termini qualsiasi illecito o rifiutare di ammetterlo o sfuggire alla discussione completa dell'argomento. Lui / lei può impegnarsi in un discorso confuso, irrilevante e confuso, che può distogliere l'attenzione su un argomento completamente diverso. La negazione è diversa dalla menzogna se la persona non è completamente o parzialmente consapevole della verità.


9. Proiettare la colpa: il manipolatore può proiettare la colpa sulla vittima, accusandolo di molti dei suoi vizi o talvolta accusando altri che gli hanno fatto torto per tutta la vita e che gli hanno reso ciò che è. La vittima può sentirsi in colpa o viene messa sulla difensiva per spiegarsi o può provare simpatia e dolore per il manipolatore.


10. Aggressività: il manipolatore può ricorrere all'aggressione e alla violenza effettive per fare in modo che la vittima si sottometta alla sua volontà, in particolare se la vittima è più debole o disabile. Questo può venire fuori all'improvviso in un finto scoppio di rabbia o rabbia intensa. Qualsiasi risposta di natura simile da parte della vittima si trova di fronte a un'aggressione più intensa che può essere successivamente incolpata della vittima stessa o una malattia fabbricata può essere incolpata o semplicemente attribuita ai problemi emotivi che il manipolatore afferma di affrontare.


10 set 2013, 11:56


#followme #life #lifestyle #love #compassion #motivation # gentilezza #peace #happiness #psicologia #money #inspiration #relationships #quotes #instagram #twitter #facebook #youtube


5 views
the-love-foundation-anniversary-logo-yea
  • YouTube
  • Twitter
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram
Unknown Track - Unknown Artist
00:00 / 00:00

©2018 by Natasha MJ Spira Publications. Proudly created with Wix.com