Caro Presidente del Consiglio

Caro Presidente del Consiglio

Innanzi tutto, vorrei ringraziare te e tutti i soggetti coinvolti per essere presenti a tutti durante la crisi. E vorrei anche scusarmi immediatamente se la mia padronanza della lingua italiana non è perfetta.

Scrivo oggi perché ho qualcosa di pesante sulle spalle e nel cuore. Negli ultimi mesi ho letto e assistito all'enorme tensione su tutti i leader e i governi del paese. Ho notato l'immensa critica, la calunnia e il giudizio dei media e delle comunità. Ho pianto perché milioni di persone non vedono i loro difetti e tutto ciò che volevano, e vogliono ancora, è quella vita che avevano prima. Sappiamo tutti che non potrà mai essere come prima, ma le persone sono ignare del fatto che una grande pandemia e una grande minaccia possano causare una pandemia. Ho pianto quando ho visto le immagini di convulsi con le bare. Ho pregato per tutti, giorno e notte.

Vedi il signor Conte, la gente ha dimenticato com'è vivere umilmente e con rispetto. Il live dovrebbe essere sano, felice e di successo. L'amore reciproco dovrebbe essere la priorità, ma è qualcosa che troppe persone rifiutano. Le persone si sono messe troppo a proprio agio a modo loro senza rispetto e volontà di sopravvivere. Invece richiedono ciò che pensano sia il loro diritto. Molte persone non sanno cosa significhi combattere per sopravvivere, vivere con il minimo indispensabile, avere libertà e aria pulita.

Sì, sono un immigrato in Italia. Possiedo il 50% della nostra proprietà. Ho cercato e sottoscritto me stesso all'INAIL e all'INPS. Non ottengo alcun beneficio da nessuno. Sono arrivato in Italia 8 anni fa. 6 anni fa mi sono sposata con un uomo meraviglioso. Nel 2016 ho fatto domanda per la cittadinanza. Pensavo che la mia vita fosse perfetta, ma era un'illusione. Un inizio della lunga serie di insulti, giudizi, calunnia, ridicolo e infine l'inizio dell'asma cronico. Sì, l'Italia, o più specifica Milano, è la causa del mio asma. Nessuno voleva farci niente. Più ho fatto domande, più sono stato bloccato dal sistema, più sono stato insultato e giudicato. Ho iniziato a vivere sempre più lontano da casa nostra e da mio marito perché non riuscivo più a respirare correttamente. Ogni volta che tornavo a casa, peggioravo. Ho dovuto convivere con concentratori di ossigeno, depuratori d'aria, umidificatori, senza riscaldamento e senza usare gas. Tutto ha iniziato a influenzare la mia salute. Fino al 2017, quando il mio medico in Sudafrica mi ha detto di trasferirmi in mare e molto presto l'inquinamento mi uccide. Quindi quella fu la mia ultima mossa da casa che conoscevo a Milano. Abbiamo comprato una proprietà e mio marito ha ottenuto un trasferimento dal suo lavoro. Nel 2018 la nostra residenza è stata trasferita da Milano a Livorno e quindi anche la mia domanda è stata trasferita. Inutile dire che, prima del trasferimento, ho telefonato alla prefettura di Milano per informarmi sulla mia domanda. Mi è stato detto molto bruscamente ed estremamente sgarbatamente di tornare nel paese da cui provenivo.

Dopo quell'episodio il mio file è stato trasferito. Mi è stata inviata un'e-mail per avvisarmi di questo. Alla fine del 2019 la prefettura di Livorno mi ha contattato per fissare un appuntamento per andare a vederli. Alla fine ho pensato che avremmo fatto progressi, ma anche questa era un'illusione. Quando siamo arrivati, mi è stato detto che c'era una nota sul mio file per un'altra persona che mi parlasse per prima. Questa signora era arrogante e mi guardò come se fossi un pezzo di spazzatura (per usare una parola migliore). Chiedono un certificato di nulla osta di polizia dal mio paese di origine, che avevo al momento della prima richiesta. Non ho problemi con le autorizzazioni della polizia. Il mio problema è che non posso viaggiare a Milano o Roma a causa dell'asma, e il problema principale è che il sistema in Sudafrica è cambiato e ci vorranno quasi 2 anni perché un certificato mi raggiunga, se sono fortunato. Ho anche scoperto che è possibile ottenere un'autorizzazione direttamente dalla prefettura in quanto risiedo in Italia e non in Sudafrica. Non mi è stata nemmeno data la possibilità di dirlo alla prefettura. Non sono mai stato trattato in modo così disgustoso come lo sono stato dalla gente in Italia. Continuerò a combattere perché questa è la mia casa. Ho annullato la mia domanda di cittadinanza e continuerò a vivere con il mio permesso di soggiorno, che è illimitato. Alla scadenza del mio passaporto, non potrò rinnovarlo. Non sarò in grado di viaggiare fuori dall'Italia con la mia carta d'identità in quanto indica che non posso utilizzarla a fini di viaggio. Non posso votare e rimarrò un apolide.

Ti sto dicendo tutto questo mentre le parole di Mister Gualtieri, "non lascia nessuno indietro" hanno colpito il nucleo del mio essere. Come possono essere pronunciate queste parole quando le persone come me sono lasciate indietro, ignorate dal sistema, calunniate dalle persone, giudicate come un criminale? Dove vanno le persone come me? La mia vita è un LOCKDOWN permanente. Una vita in cui posso stare solo a casa e nel mio giardino. Cosa succede a persone come me lungo la strada per il recupero da una pandemia, ma devono convivere con i farmaci per il resto della mia vita, e non sapranno mai più il lusso di andare in spiaggia senza tossire o attaccare, fare shopping è quasi impossibile, ristoranti e altre attività sono fuori discussione. Vedi signor Conte, sono in prigione per tutta la vita.

Non sono disposto a fare sempre più test solo per soddisfare un sistema perché i medici vogliono provare nuovi farmaci su di me. Non sono un topo da laboratorio. Ho sofferto abbastanza nella mia vita. È un miracolo che io sia vivo. Solo Dio è grato per avermi curato dal cancro quando tutti pensavano che stessi morendo. Sono venuto in Italia guarito, per essere colpito dall'asma dall'aria velenosa in Italia. E poi buttato fuori da un sistema che non è altro che razzista nel peggior modo possibile che abbia sperimentato nella mia vita.

Penso di aver parlato un po' qui. Ancora una volta voglio ringraziarti per la tua gentile personalità, la tua empatia verso una nazione ingrata. Sei un vero leader, signor Conte. Ti rispetto molto per tutto ciò.

Una buona serata a te e tutti gli altri. Che Dio vi benedica.

Natasha MJ Spira #GiuseppeConteIT #PalazzoChigi #iorestoacasapersempre #iorestoacasa #CuraItalia

2 views
the-love-foundation-anniversary-logo-yea
  • YouTube
  • Twitter
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram
Unknown Track - Unknown Artist
00:00 / 00:00

©2018 by Natasha MJ Spira Publications. Proudly created with Wix.com